Ora e Allora

Massimo Orlandi

E dopo esserci occupati dei Professionisti Bolognesi passiamo adesso ai Dilettanti che stanno mettendosi in grande evidenza e cominciamo da Massimo Orlandi.

Questo promettentissimo ragazzo gareggia nella Categoria Under 23 e quella che parte sarà per lui la seconda stagione ma già nella prima ha dimostrato di che pasta è fatto. Ma vediamo il suo curriculum sportivo.

La vittoria di MarenoNasce a Bologna il 3/12/1998 e comincia a gareggiare nel 2009 come G4 nella Società Ciclistica San Lazzaro dove rimane fino a fine 2012 come Esordiente Primo Anno, quattro stagioni dove il ragazzino cresce ma ancora non si vede la “stoffa”. Nel 2013, come Esordiente Secondo Anno, passa alla Società Ciclistica Ceretolese 1969 dove gareggia per tre stagioni, una appunto come Esordiente Secondo Anno e due come Allievo ed è qui che l’incontro col Direttore Sportivo Gabriele Martelli, porta a Massimo il salto di qualità, sono infatti quattro i successi che anella in quel periodo e che lo preparano al salto nella categoria Juniores. Passaggio che avviene nella stagione 2016 quando Massimo va a vestire i colori della Società Sportiva Sancarlese ed è alla corte del Direttore Sportivo Simone Frigato che il ragazzo si mette in grandissima evidenza. Cinque i suoi successi nelle due stagioni, compreso il Titolo Regionale, tutti in gare di alto spessore Tecnico e come corollario numerosi podi e piazzamenti in gare Nazionali ed Internazionali. Si aprono quindi per lui porte importanti ed infatti approda come Under 23 al Cycling Team Friuli dove esordisce nella stagione 2018.

La Maglia Azzurra al Giro dell' EmiliaLa stagione da poco conclusa è stata sicuramente più che positiva, queste le parole di Massimo, ho vinto 2 gare di cui la prima la tappa Cronoscalta del Carpathian Tour ed il Circuito in Notturna di Mareno di Piave. Poi ho ottenuto altri importanti piazzamenti tra cui il 7° posto all’Internazionale di Poggiana e l’8° posto nella Classifica Generale del Giro di Romania. Stavo anche disputando un buon Giro d’Italia Under, ma una brutta caduta mi ha costretto al ritiro e ad uno stop forzato di oltre un mese. Forse senza quella caduta avrei potuto raggiungere altri risultati. Ho comunque chiuso alla grande la stagione vestendo la Maglia Azzurra della Nazionale (per me un esordio) al Giro dell’ Emilia Professionisti. Se sono arrivato fino qui devo un particolare ringraziamento a Gabriele Martelli che mi ha guidato alla Ceretolese e che ancora adesso c’è sempre per un consiglio ed un parere. Per la prossima stagione vestirò ancora i colori del Cycling Team Friuli che nel frattempo è diventata una Squadra Professional e questo ci permetterà di fare attività anche nel mondo Professionistico acquisendo esperienza. Il mio obiettivo è confermarmi e possibilmente migliorare ancora. Il sogno nel cassetto un Contratto Professionistico e vincere una Tappa al Giro d’ Italia.

Il ragazzo ha le idee chiare e noi non possiamo che augurargli di raggiungere i suoi obiettivi e magari di averlo protagonista alla Cronoscalata di San Luca dove nel 2018 non ha potuto farsi onore per i postumi della caduta al Giro Under.

 

Lorenzo Fortunato

Nato il 9 Maggio 1996 comincia a gareggiare nel 2007 nella Categoria Giovanissimi G4 tesserandosi nella Società Ciclistica San Lazzaro. Nella stessa Società gareggia anche, dopo i Giovanissimi, nelle Categorie Esordienti (2010-2011) ed Allievi (2012-2013).

FortunatobFin da subito mostra le sue notevoli caratteristiche mietendo successi e partecipando, da Allievo, alle Mini Olimpiadi Giovanili indossando la sua prima Maglia Azzurra.
Passa quindi Juniores nel 2014, sempre nel sodalizio di San Lazzaro di Savena, grazie all’abbinamento con la Work Service e qui resta anche nel 2015.
Nelle due stagioni da Juniores arrivano tante vittorie e parecchie convocazioni in Nazionale ed in particolar modo la partecipazione ai Campionati Mondiali sia nel 2014 che nel 2015. Lo spessore dei risultati ottenuti gli aprono le porte della Hopplà Petroli Firenze che lo ingaggia nella Categoria Under.
Chiude la sua carriera nelle Categorie Giovanili con una settantina di Vittorie.

Fortunato Valle AostabNel 2016, alla prima stagione Under giunge ben presto la Vittoria di Lamporecchio che invece rimarrà l’unico successo della Categoria. Ma non mancano i risultati con ottimi piazzamenti che lo mettono in evidenza soprattutto nelle Corse a Tappe.
Nel 2017, alla seconda stagione Under, corre come Stagista una quindicina di gare in maglia Tinkoff ed al giro dei Fiordi (Danimarca) ottiene anche un ottavo posto ed il dodicesimo nella Classifica Generale.
Nell’ultima stagione da poco conclusa si mette in grande evidenza al Giro della Valle d’Aosta dove ottieni ottimi piazzamenti e chiude al sesto posto assoluto (primo degli Italiani in gara). Anche in questa stagione gareggia come Stagista con la Bardiani e veste la Maglia Azzurra al Giro dell’ Appennino.

E finalmente, a fine stagione, arriva la proposta della Neri Sottoli Selle Italia che lo ingaggia per la stagione 2019 nei Professionisti.

Fortunato Giro d'ItaliabHo finalmente raggiunto il mio sogno (queste le parole di Lorenzo), dopo tante vittorie e tanti ottimi risultati sono riuscito ad ottenere un contratto Professionistico che ho sempre sognato fin da bambino, non mi pongo obiettivi ma spero che la salute mi sostenga per dimostrare il mio valore in questa difficile categoria.
Un ringraziamento speciale va alla mia Famiglia che mi ha sempre sostenuto anche nei momenti difficili, ai miei vecchi Direttori Sportivi Vincenzo Alongi e Pasquale Castaldo, ai Dirigenti della San Lazzaro, il Presidente Gnugnoli ed il Vice Bozza, che mi hanno permesso di crescere bene e che ancora oggi vengono spesso a vedere le gare a cui partecipo.
Il sogno nel cassetto sarebbe quello di prendere il via al Giro d’ Italia 2019 che parte da Bologna, mentre a breve verrà stilato dai Dirigenti il mio programma gare di massima.
A breve comunque conoscerò i miei programmi agonistici”.

Di lui Luca Mazzanti, che ne è il Procuratore, dice “Lorenzo arriva al Professionismo dopo avere ottenuto moltissimi successi nel Settore Giovanile. Dovrà fare esperienza sfruttando la sua giovane età e magari riuscire a dimostrare in salita e nelle Gare a Tappe quanto di buono ha fatto vedere. Lo aspettiamo con fiducia”.

Ovviamente a Lorenzo va il nostro augurio di una stagione veramente speciale.

 

Simone Velasco

Simone Velasco, nato il 2 Dicembre 1995 è bolognese di adozione e per la quarta Stagione gareggerà tra i Professionisti.

Velasco in maglia BardianibOriginario dell’Isola d’ Elba (padre Elbano – mamma Bolognese) proviene dalle “Ruote Grasse”…”volevo provare su strada (queste le parole di Simone) ma non avendo fatto attività giovanile su strada, ed entrando nella categoria UCI Juniores, non fu semplice. Fondamentale fu l’incontro Mario Trevisan che da allora è rimasto per me un punto di riferimento fondamentale ed al quale vanno i miei ringraziamenti più sinceri. Fui ingaggiato dalla Work Service Brenta di Padova dove ho gareggiato nelle Stagioni 2012-2013 ottenendo una quindicina di vittorie. Poi il passaggio tra gli Under nelle file della Zalf Desirèe Fior dove in due stagioni ho ottenuto significative vittorie che mi hanno aperto le porte del Professionismo dove sono approdato nel 2016 alla Bardiani di Patron Reverberi e dove ho trascorso due stagioni tra chiaro e scuro con tanta gavetta e qualche piazzamento. Poi nel 2018, con la mediazione di Luca Mazzanti, sono approdato alla corte di Luca Scinto e Angelo Citracca sotto i colori della Wieler Selle Italia e finalmente, credo di poterlo dire, da Giugno in poi sono arrivati risultati importanti che mi fanno guardare con ottimismo alla prossima stagione”.

 

Velasco sul GhisallobPer lui un’ottima seconda parte di stagione, protagonista all’Adriatico Tour, al Gran Premio di Lugano, un terzo ed un quintoVelasco sulle Orfanelleb posto al Giro della Repubblica Ceca, il quinto posto al Matteotti, un ottimo giro dell’ Emilia ed una bellissima prestazione al Giro di Lombardia e per finire tre ottimi piazzamenti nei Top Ten ed il settimo posto finale  al Tour of Hainan in Cina fanno ben sperare per la prossima stagione dove gareggerà ancora alla corte di Scinto & Citracca nella Neri Sottoli Selle Italia.

Per lui sarà una stagione fondamentale (queste le parole di Luca Mazzanti, Procuratore di Simone), pur essendo ancora giovanissimo ha alle spalle tre anni di Professionismo che gli hanno permesso di accumulare tanta esperienza e, visto l’ottima seconda parte di stagione, ci aspettiamo una stagione di consacrazione.

Concludiamo col programma 2019, “dovrei iniziare a fine Gennaio col Tour de San Luis in Argentina e poi continuare un programma di avvicinamento che spero finalmente mi porti ai nastri di partenza del Giro d’ Italia che nelle tre stagioni precedente non ho mai potuto disputare. Si parte da Bologna ed esserci sarebbe un sogno ed uno stimolo in più”.

Ovviamente auguriamo a Simone il meglio ed anche per il Ciclismo Bolognese vederlo alla Punzonatura del Giro e “Soffrire” sulle rampe di San Luca, sarebbe motivo di orgoglio.